Oscuramento vetri auto

Oscurare i vetri del veicolo risponde a diverse esigenze: ridurre il calore interno e la quantità di raggi UV che penetrano nella vettura, migliorare la visibilità (nelle ore notturne la pellicola oscurante riduce sensibilmente l’abbaglio dei fari proiettato dalle auto attraverso il lunotto posteriore) e un notevole risparmio energetico, dal momento che permette di ridurre l’utilizzo del condizionatore d’aria senza intaccare il comfort degli occupanti dell’abitacolo. Inoltre, da un punto di vista estetico, l’oscuramento vetri dona all’auto un look personalizzato e di gran classe.

L’oscuramento vetri auto effettuato nei centri Motorglass adotta il sistema americano di “window tinting”, vale a dire con l’applicazione di pellicole omologate e a norma di legge (circ. min. N° 1680/M360 dell’08.05.2002).

 

Oscuramento vetri auto e sicurezza

Questa particolare tecnica garantisce ai cristalli una maggiore resistenza agli urti e ai tentativi di furto e, in caso di rottura a seguito d’incidente, riduce il rischio di lesioni per i passeggeri, trattenendo schegge e frammenti altrimenti molto pericolosi. Inoltre, il calore generato dai raggi solari nell’abitacolo dell’auto viene abbattuto di circa il 50% e si respinge il 95% dei dannosi raggi ultravioletti.
In Italia dopo anni di incertezze e vuoti legislativi in merito all’oscuramento vetri auto, nel 2002 si è giunti finalmente ad una regolamentazione chiara ed ufficiale che toglie ogni dubbio circa la legalità delle pellicole.
Infatti, la necessità di regolamentare l’installazione delle pellicole per vetri sugli autoveicoli è stata “accelerata” dall’esigenza di adeguarsi alle Direttive emanate dalla CEE, a fronte anche del libero scambio di merci imposto a tutti gli stati facenti parte della Comunità Europea.

Il Ministero Delle Infrastrutture e dei Trasporti ha emanato la circolare ministeriale n. 1680M360 del 08/05/2002 che regolamenta in Italia, l’applicazione delle pellicole per vetri sugli autoveicoli, definendo nel contempo i parametri necessari per un’ installazione a norma di legge.

La circolare Ministeriale in sintesi indica quanto di seguito riportato:
• che sia apposto sulle pellicole il marchio identificativo del produttore;
• che le pellicole siano state omologate per il vetro sul quale sono state applicate;
• che vi sia l’esistenza di un certificato di omologazione (costituito all’estero);
• che vi sia un certificato/dichiarazione di conformità dell’installatore che il vetro ha lo spessore previsto in sede di approvazione delle pellicole.

Naturalmente l’installazione delle pellicole per vetri, può interessare esclusivamente i vetri laterali posteriori ed il lunotto di tutti gli autoveicoli; quest’ultimo solo a condizione che il veicolo sia allestito con specchi retrovisori esterni su ambo il lati. Rimane, pertanto, il divieto di applicazione delle pellicole sul parabrezza e sui vetri laterali anteriori, in quanto permane l’obbligo di lasciare invariato il campo utile di visibilità del guidatore (180°equivalenti a parabrezza e vetri laterali anteriori). Ricordiamo che l’applicazione delle pellicole sui vetri del proprio veicolo non necessita di collaudo o revisione, e vi è l’obbligo di aggiornare la carta di circolazione.

p1

p2

p3

oscuramento vetri auto